Free ShipmentWarranty 24 monthsMade in Italy

The Pond

Il fine settimana di Ocarina #115 Peter Pan Il Musical – Teatro Sociale di Mantova

Dopo il grande successo torna in molti teatri d’Italia il Musical di Peter Pan che questo fine settimana (1 e 2 febbraio) approda a Mantova al Teatro Sociale.

 Lo spettacolo che ha debuttato nel 2006 sta affascinando migliaia di spettatori, in particolare bambini. 

 20 performer in scena, diretti dal regista Maurizio Colombi che, insieme, animano una scena magica di grande impatto visivo e sonoro, dove i duelli tra Peter e i pirati di Capitan Uncino continuano a far sognare. Il musical, tratto dalla storia scritta a inizio ‘900 da James Matthew Barrie, fa immergere lo spettatore nella magia del grigiore londinese, con il Tower Bridge e l’atmosfera iniziale e metaforica che vede gli adulti, borghesi cittadini del Regno Unito, contrapporsi al menestrello cantastorie che incanta i bambini con il fascino delle favole. Un grigiore che dura pochi minuti, lasciando presto il posto ad un tripudio di colori ed effetti. Il tutto è accompagnato dalla bellissima colonna sonora di Edoardo Bennato, arrangiata in chiave pop-rock.

Il Musical, tutto italiano, è entrato di diritto nei grandi classici del musical d’eccellenza ed è stato insignito di prestigiosi premi come il Premio Gassman e il Biglietto d’Oro Agis 2006/2007 e 2007/2008.

Qui è possibile trovare le prossime date del tour del Musical.

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #113 – La ballata di Bo e Luke

Esattamente quaranta anni fa andava in onda sugli schermi americani la prima puntata di Hazzard, una delle serie tv culto degli anni ’80. Oggi Ocarina scolta la sua bellissima sigla in italiano intitolata La ballata di Bo e Luke… con una nota un po’ nostalgica che tutti coloro che sono stati bambini in quegli anni comprenderanno…come non ricordare i pomeriggi dopo la scuola a guardare le rocambolesche avventure della famiglia Duke. I protagonisti della serie sono infatti i giovani cugini Bo, Luke e la bellissima Daisy, sempre impegnati a fare scorribande e a delinquere, anche se a fin di bene, per salvare la fattoria del saggio e anziano zio Jesse. Mitica la loro macchina, il Generale Lee, con gli sportelli saldati, senza finestrini e il numero 01 sugli sportelli!

Sicuramente anche i bambini di oggi apprezzeranno la divertente sigla in italiano, dalle sonorità country che fu composta e interpretata da Augusto Martelli e pubblicata nel 1981.

Bellissima anche la sigla originaria della serie, composta e interpretata da Waylon Jennings, un celebre cantante di musica country. Il titolo del brano è “Good Ol ‘Boys” e nell’agosto del 1980 la canzone fu incisa come il secondo singolo dell’album “Music Man”. Qui è possibile acquistarla

Di seguito il video della sigla italiana La ballata di Bo e Luke

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #114 L’altalena sulle nuvole – Teatro Furio Camillo

Questo fine settimana se vi trovate a Roma, Ocarina vi consiglia di non perdervi lo spettacoloso per famiglie dal titolo L’altalena sulle nuvole: l’accoglienza raccontata ai bambini. Lo spettacolo, in programma al Teatro Furio Camillo sabato 26 gennaio, alle 21, e domenica 27, alle 11 e alle 18, invita a far riflettere in maniera divertente su un tema molto caldo quale l’accoglienza e l’inclusione del diverso. 

Si racconta infatti le avventure di un gigante che arriva in un paese piccino piccino… Una storia dolce di accoglienza raccontata su di un trapezio, per dondolare tra le nuvole, e su una corda per salire fino al cielo. Uno spettacolo che si rivolge allo stesso modo a bambini e adulti, dedicato a tutti coloro che viaggiano  per trovare una casa e anche un po’ di pace.
Lo show, messo in scena dalla compagnia Materiaviva, utilizza integralmente il testo della fiaba “L’altalena sulle nuvole”, scritta da Roberta Castelluzzo (regista e scrittrice dello spettacolo), con le illustrazioni di Luciano Capasso. Il libro omonimo sarà presentato ufficialmente al termine dell’evento.

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #112 – Baby Shark Dance

Ocarina oggi ascolta la canzone che in queste ultime settimane ha conquistato i bambini tutto il mondo! Si tratta di Baby Shark Dance, brano semplice e divertente che racconta la storia di una famiglia di squali. Il pezzo, molto orecchiabile, ideale per un pubblico di piccoli, è interpretato da due piccoli cantanti che ballano e cantano come se si trovassero “in fondo al mare”.

Baby shark, doo doo doo doo doo doo
Baby shark, doo doo doo doo doo doo
Baby shark, doo doo doo doo doo doo
Baby shark!

Ormai la canzone dello squalo è diventato un vero e proprio tormentone!
Pubblicata nel 2015 sul canale YouTube coreano Pinkgong, ha riscosso subito un gran successo, raggiungendo più 2 miliardi di views e diventando uno dei 40 video più visualizzati di sempre su Youtube. 

Ma non finisce qui. A Natale 2018 il brano viene registrato in una nuova versione che entra nella classifica dei singoli più venduti in UK e successivamente anche negli USA.

Qui potete acquistare Baby Shark Dance 

Di seguito il video

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #113 Mondo in scena – Casa del Teatro di Torino

Questo fine settimana, a Torino, presso la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani prende il via una rassegna di spettacoli ispirati alle favole e alla natura.  Un ricco cartellone di eventi che si terranno tra gennaio e i primi di febbraio e che prevede una rappresentazione speciale in occasione del “Giorno della Memoria”.

Si inizia domani 19 gennaio alle ore 21 con Per Questo, uno spettacolo che, prendendo spunto dalla vicenda personale della giovane Giovanna (vittima a scuola di un episodio di bullismo), rievoca la storia di Giovanni Falcone e del pool antimafia. Consigliato da 8 anni.
Domenica 20 gennaio alle ore 16.30 si tiene la rappresentazione di una delle fiabe più amate dai bambini: Cappuccetto Rosso. Lo spettacolo prevede una ricca esibizione di citazioni pittoriche, una originale versione a cura di un gruppo di danzatori-acrobati ad affrontare una tra le più popolari fiabe. Sala piccola. Consigliato da 5 anni.
Sempre domenica 20 gennaio alle ore 16 e alle 17,30 va in scena La Piccola Foresta, una storia semplice ed ecologista che narra di un vecchietto, solo abitante di un luogo desolato e pieno di cose che nessuno vuole più. Il protagonista per combattere la solitudine, finisce per realizzare il suo sogno di riordinare i rottami e si costruisce una foresta di… latta! Consigliato da 4 anni.
Qui è possibile consultare il programma della rassegna

by admin in Uncategorized

Con-tatto musicale: la musica nel massaggio infantile

Fin dal periodo prenatale, il feto è in grado di percepire i rumori, i suoni, le voci non solo attraverso l’apparato uditivo ma anche attraverso le sensazioni ricevute da tutto il corpo, con le vibrazioni.

E’ ormai ampiamente dimostrato la sua capacità di riconoscere la voce della madre al settimo mese di gravidanza e preferirla alle altre subito dopo la nascita,  così come di riconoscere le melodie che sono state ascoltate durante il periodo gestazionale o le canzoni che gli sono state cantate.

La voce materna, il contatto, il suono, rappresentano un ponte e un collegamento, che possono dare continuità tra la vita prenatale e quella postnatale e fungere da rassicurazione per il neonato, in un mondo esterno ancora a lui estraneo.

La voce, quale strumento di relazione, è canale di connessione e sintonizzazione con l’altro ed il baby-talking, in particolare, rappresenta un dialogo emotivo-musicale e di co-regolazione reciproca. Attraverso questa prosodia, ma anche attraverso la comunicazione visuo-facciale, il contatto e la gestualità, genitore e bambino scandiscono un ritmo, come in una danza, dove si modula e si modifica il comportamento di ognuno per adattarsi vicendevolmente all’altro.

L’accudimento e la relazione possiedono  una ritmicità. Ci sono i suoni e ci sono i silenzi, ci sono dei tempi e ci sono delle pause. C’è un andamento, una cadenza, una regolarità, come nella musica.

Quest’ultima, rappresenta un canale comunicativo non verbale, emotivo e relazionale, che può diventare uno degli strumenti attraverso cui stabilire un contatto con il proprio bambino. Può accompagnare momenti particolari della vita quotidiana, per creare una ritualità che lo rassicurano durante le sue fasi di crescita, rafforzando la rete di scambio con l’adulto ed il legame affettivo che cresce giorno dopo giorno.

Una melodia rilassante, può aiutare a calmare e attenuare gli stati di tensione, riducendo i livelli di attivazione dell’organismo (battito cardiaco, respirazione, pressione arteriosa etc) o creare un’atmosfera per condividere coccole e tenerezze; una ninna nanna, può accompagnare e guidare il bambino durante l’addormentamento e il sonno; una filastrocca o una canzoncina, può diventare momento di scoperta, di gioco, di stimolazione, di apprendimento.

Cantare ed ascoltare musica insieme diventa un occasione di scambio e di condivisione che permette al bambino di sviluppare diverse abilità, non solo legate alla comunicazione e al linguaggio, ma anche legate all’attenzione, alla concentrazione, alla memoria, alla sfera psico-emotiva e relazionale.

Portare la musica nel mio mondo professionale di psicologa e di insegnante di massaggio infantile, come strumento facilitatore di relazione è stato naturale ed ha arricchito le esperienze dei gruppi dopo-parto, rendendole ancora più uniche e speciali.

Durante il massaggio, ognuno impara a mettersi in ascolto del proprio sentire e di quello dell’altro, ad osservare ed osservarsi, a muoversi e fermarsi a seconda dei bisogni e delle necessità di ciascuno e la musica può diventare un ulteriore canale di connessione con il proprio bambino.

Il tocco ed il contatto possono essere accompagnati da una musica di sottofondo che può essere modulata e scelta a seconda del momento, delle preferenze e dello stato d’animo. 

L’effetto del tocco e del contatto penetra all’interno della persona e si diffonde per tutto il corpo. La musica, allo stesso tempo, penetra attraverso le vibrazioni e le sensazioni che suscita, diffondendosi nell’area e creando un’atmosfera di benessere e piacevolezza. Può diventare così, una  una sorta di “ contenitore emotivo e sensoriale” che amplifica e rende ancora più completa l’esperienza vissuta con i propri figli, dove ogni momento è scandito da suoni e da silenzi che coinvolgono tutto il sistema sensoriale. La melodia può aiutare a raggiungere uno stato di calma e rilassamento, i silenzi danno modo di mettersi in ascolto del respiro, dei vocalizzi del proprio bambino, del pianto, raggiungendo una sintonizzazione, un’intimità ed una complicità ancora più forte.

Il genitore e il bambino possono così vivere il loro incontro quotidiano, il loro stare insieme nel “qui e ora”, avvolti da una sfera sonora, costruendo il loro bagaglio di esperienze e di ricordi musicali, unico, speciale e personale che li accompagnerà per tutto il percorso della loro vita.

Ringraziamo per la sua testimonianza, la dott.ssa Valentina Svelto, psicologa- psicoterapeuta e insegnante di massaggio infantile.

 

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #111 – Il Pescatore – Fabrizio di Andrè

L’11 gennaio ricorreva il 20esimo anniversario della morte di Fabrizio di Andrè. In molti hanno reso omaggio al grandissimo cantautore, il poeta genovese che con le sue canzoni ha rivoluzionato la musica italiana. Per questa occasione Ocarina ascolta Il pescatore, una delle ballate più famose e conosciute di De Andrè, scritta dall’artista e riproposta nel 1978 nel suo omonimo 45 giri, il cui lato B conteneva Carlo Martello.
Il testo dell’intramontabile brano è senz’altro una lezione di vita da fare ascoltare ai nostri bambini: un messaggio di pace che invita al perdono, 
ad aiutare chi ci chiede una mano, chiunque sia, senza fare distinzioni.

Nella versione originale di Il Pescatore, Faber canta accompagnato semplicemente da una chitarra acustica, un basso e brevi fraseggi di una chitarra solista. Intramontabile il ritornello, costituito da una melodia fischiettata, senza testo. 

Qui è possibile acquistare il brano

Di seguito il video

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #112 Animali fantastici a Firenze – il tour di Affabulando

Se i vostri bambini sono appassionati di animali, questo sabato 12 gennaio vi consigliamo di non perdervi il safari eccezionale che si terrà a Firenze tra le vie rinascimentali del centro storico. Si tratta del tour Affabulando, una passeggiata alla scoperta di animali fantastici e mitologici che rappresentano i fiorentini.

I bambini, accompagnati dalle guide di Florence and Tuscany Tours seguiranno le tracce degli animali presenti sui monumenti fiorentini e insieme conosceranno la storia della città, e anche il carattere di chi la vive.

Sarà interessante scoprire quanto il temperamento dei cittadini sia allo stesso tempo tenace e fedele come un cagnolino ma possente e minaccioso come un’aquila.

E ancora più impressionante sarà paragonarlo a quello temibile e feroce del cinghiale o autoritario e dominatore del leone.

Non è necessaria alcuna bacchetta e i protagonisti non saranno Harry Potter, Hermione o Albus Silente, ma i bambini stessi! Loro saranno i personaggi principali di un racconto magico ambientato a Firenze, tra mitologia e storia, una saga composta da un unico episodio, con un finale molto dolce… Alla fine della passeggiata non si troverà Voldemort o qualsiasi altro mago cattivo da sconfiggere, ma un ottimo gelato (riassunto della migliore tradizione fiorentina, visto che i gelati sono stati “inventati” dal Buontalenti!).

La visità è adatta a tutta la famiglia ed ha una durata di di 1 h 30.
Qui è possibile trovare maggiori informazioni sull’evento di sabato 12 e anche sugli altri tour Affabulando organizzati a Firenze

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #110 – L’anno che verrà’ – Lucio Dalla

Oggi The Pond dedica Il suo primo post dell’anno ad una famosa canzone, permeata di sano ottimismo, un augurio per un futuro migliore…Si tratta di L’anno che verrà’ di Lucio Dalla, un pezzo storico, che tutti ormai conosciamo a mente, in cui il cantautore bolognese immagina di scrivere una lettera ad un amico lontano per descrivere l’arrivo di un nuovo anno. Una canzone che invita a vivere in pieno il tempo presente con sorprese incredibili, novità mirabolanti e mutamenti inaspettati, accogliendo tuttavia qualsiasi cambiamento personale e sociale.

Scritta nel 1978, ”L’anno che verrà” fu inclusa come canzone finale, nel quarto album, “Lucio Dalla”, considerato uno dei suoi migliori. Alla canzone arrangiata da Giampiero Reverberi (direttore anche dell’orchestra) partecipò Ron al pianoforte.

Per celebrare i 40 anni dall’uscita della canzone, la città di Bologna ne ha utilizzato i versi per illuminare Via D’Azeglio (tratto pedonale), dove al N° 15 Dalla ha abitato a lungo prima della sua morte avvenuta 6 anni fa. Una bellissima e originale luminaria natalizia che ha fatto il giro di tutti i social network in Italia e all’estero.

Qui è possibile acquistare il brano

Di seguito il video

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #111 Arriva la Befana – Museo della scienza di Napoli

Questa domenica si festeggia la Befana, la vecchietta tanto amata dai bambini e anche da Ocarina 🙂

Se volete divertirvi e allo stesso tempo stare al calduccio (visto le temperature rigide in arrivo) la festa della befana al Museo della scienza di Napoli può fare al caso vostro. 

Alle 10,00 la vecchietta arriverà puntuale a cavallo della sua scopa portando con sé tanti doni e anche tante attività interessanti…… tutte ad ingresso gratuito. 

Un’intera mattinata (dalle 10,00 alle 14,00) dove i bambini potranno imparare molte cose attraverso laboratori creativi e momenti di interazione a tema come, per esempio la Calza a Raggi X, dove bisognerà aiutare la befana a riempire la calza con i dolci grazie, appunto, ai raggi X. Chi riuscirà a terminare il percorso, superando tutti gli ostacoli otterrà una dolce ricompensa.  Per l’occasione è stato allestito l’Albero delle Filastrocche e delle poesie sul Natale e sulla Befana. I bambini potranno staccare un fogliettino, leggerne il contenuto e provare a comporre ed attaccare una loro storia. Per i più piccoli è in programma Storie di Nuvola, letture animate all’interno di una nuvola bianca, dove i bambini potranno entrare scalzi e coccolati da pochi e ovattati rumori ascolteranno tante belle storie. Da non perdere anche la visita alla Casetta della Befana, dove sarà possibile ascoltare i racconti della vecchietta appena tornata dalla notte trascorsa in giro per il mondo.
Alle ore 13,00 nella Sala Newton – Galleria Spazio Eventi – si tiene inoltre il fantastico show circense con acrobazie e spettacoli on the air.

Qui è possibile scaricare tutto il programma dettagliato.

by admin in Uncategorized